Falsi biglietti Amtab all'edicola, in casa una centrale della contraffazione: nei guai falsario e 2 complici

mercoledì 9 maggio 2018

I finanzieri del Gruppo Pronto Impiego Bari nell’ambito del servizio di controllo economico del territorio hanno individuato un’edicola nei pressi della sede del locale Tribunale, il cui titolare vendeva “sottobanco” biglietti falsi dell’Azienda di trasporti - AMTAB.

Presso l’esercizio, infatti, venivano rinvenuti, occultati anche indosso agli addetti presenti al momento dell’intervento delle Fiamme Gialle, decine di tagliandi contraffatti, oltre a numerosissimi CD musicali e DVD illecitamente riprodotti.

La successiva ed immediata perquisizione presso l’abitazione del titolare, permetteva di scoprire una vera e propria “centrale della contraffazione”, con tanto di strumentazione professionale per la “stampa a caldo”. Oltre 16.000 i biglietti AMTAB falsificati e sequestrati pronti per la vendita e 2 lucidi riportanti il retro del logo dell’azienda municipalizzata.

Venivano, inoltre, rinvenute e sequestrate circa 500 carte di circolazione in bianco, circa 3.500 marche da bollo di diverso valore, presumibilmente false, 2 rotoli di carta ologrammata, oltre 1.200 supporti audiovisivi illecitamente riprodotti e circa 1.300 locandine per supporti audio-video.

Il falsario, un habituè del settore, ed altri due individui, sono stati denunziati alla locale A.G. per delitti contro la fede pubblica, il patrimonio e per violazione della vigente normativa sui diritti d’autore. 

Altri articoli di "Bari"
Bari
31/07/2018
Bari. I Carabinieri arrestano due fratelli, uno dei quali minorenne, ritenuti ...
Bari
30/07/2018
Nello scorso weekend la Polizia di Stato ha fatto irruzione in un’abitazione di via ...
Bari
25/07/2018
Arrestato un evaso e denunciate due persone dagli agenti della polizia di Stato. Ieri ...
Bari
24/07/2018
Intensificati i controlli nel quartiere Libertà dei Carabinieri. Arrestato un ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...