Rifiuti, Anci Puglia: "Puntiamo a una regione autosufficiente"

martedì 26 luglio 2016
Il presidente dell'Associazione dei Comuni di Puglia chiede che la Puglia possa essere capace di chiudere il ciclo dei rifiuti.

Sulla proposta emendativa al ddl in materia di Rifiuti, approvata dal direttivo Anci, è intervenuto  il presidente Anci Puglia Luigi Perrone che ha voluto sottolineare il ruolo fondamentale di sintesi e di raccordo svolto dall'Associazione rispetto alle istanze rappresentate dai sindaci della Puglia. 

"Per il momento siamo moderatamente soddisfatti del lavoro svolto e del ruolo dell'Associazione in questa delicata questione, nonostante i tempi ristretti -  dichiara  Perrone in una nota -  La proposta sostanzialmente conferma quanto esposto nel confronto con il Governo regionale e in sede di audizione in V commissione consiliare.  Siamo consapevoli del ruolo e delle responsabilità dei Comuni, ma altrettanto convinti che le criticità maggiori riguardano gli impianti e specificatamente, l'allocazione e le relative procedure autorizzatorie".

"Dobbiamo puntare ad una Puglia autosufficiente, in grado di chiudere il ciclo dei rifiuti a costi sostenibili attraverso impianti di prossimità - continua - ma è indispensabile condivisione e consenso dei territori e semplificazione delle procedure autorizzatorie. Siamo d'accordo quindi, sull'opportunità di una centralizzazione dell'impiantistica, con una  regia regionale, è necessario che tutti gli impianti già autorizzati siano resi attivi da subito e riteniamo indispensabile procedere  un adeguamento del Piano regionale dei Rifiuti"

"Ribadiamo la necessità di rafforzare e consolidare la governance dei Comuni nei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto, la cui titolarità deve essere esclusiva dei Comuni. Infine, abbiamo concordato di lasciare al Governo regionale di valutare se affidare competenze all'AIP - previo indispensabile e adeguato potenziamento strutturale, oppure se costituire una agenzia o autorità ad hoc, con la tempistica che richiede. La fase transitoria potrebbe essere affidata ad una gestione commissariale. In tutti i casi deve essere definito il pieno il coinvolgimento dei Comuni", conclude.

TAG: Rfiuti, Anci, Puglia
Altri articoli di "Moda e bellezza"
Moda e bellezza
29/03/2017
 Il servizio fotografico tra ricci e orecchiette è stato pubblicato ...
Moda e bellezza
27/03/2017
Un connubio perfetto, sapientemente diviso  tra ...
Moda e bellezza
11/09/2016
La fascia di Miss Italia non torna in Puglia, dopo l'ultima ...
Moda e bellezza
10/09/2016
 La 21enne di origini albanesi è l’unica della Puglia, insieme ad una ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...