Bari guest card: a novembre il bando per individuare il soggetto gestore

lunedì 4 luglio 2016
L'obiettivo è potenziare i servizi di promozione, organizzazione e fruizione del patrimonio di informazioni culturali e turistiche distribuite sul territorio metropolitano.

 

 

È all’attenzione degli uffici comunali competenti il progetto esecutivo della Bari Guest Card consegnato dall’Ati aggiudicataria - composta da Links management and technology di Lecce, Promo P.A. Fondazione, Ricerca, Alta formazione e Progetti di Roma e Space di Lucca - del bando per la realizzazione del progetto, che dovrà essere terminato entro il prossimo mese di novembre 2016. L'obiettivo è potenziare i servizi di promozione, organizzazione e fruizione del patrimonio di informazioni culturali e turistiche distribuite sul territorio metropolitano, e di tutti i servizi innovativi ad esso associati, ha scelto di dotarsi di un sistema denominato “Bari Guest Card 2.0”, composto da: una piattaforma tecnologica per la gestione di una card elettronica e fisica; la fornitura di 160 paline informative turistiche dotate di QR code e posizionate presso i principali attrattori e beni culturali di Bari e della Città metropolitana; la realizzazione di percorsi turistico-culturali che consentano ai turisti una più facile conoscenza e visita alla città e in più lingue; la realizzazione di un portale web dedicato al turismo a Bari; l’allestimento di un Visitor center presso il castello Normanno Svevo di Bari, quale principale attrattore culturale cittadino; la fornitura di sistemi di visione e accesso digitali alle informazioni turistico-culturali della città (occhiali virtuali); un piano di gestione che sarà la base per la successiva gara rivolta ai soggetti interessati a gestire la Bari Guest Card.

 


 

«La Bari Guest Card ci consentirà di dare un assetto definitivo all’attrattività turistica della terra di Bari - commenta l’assessore alle Culture del Comune di Bari, Silvio Maselli - ponendo Bari alla stregua delle altre grandi città italiane ed europee con un sistema avanzato di marketing e management dell’offerta della nostra città e dell’intera area metropolitana barese. Uno strumento pensato non solo per i turisti, ma anche per i baresi che potranno conoscere finalmente il ricco e variegato patrimonio della nostra terra. Vogliamo rendere la visita a Bari un’esperienza turistica che invogli tutti i cittadini che arrivano nella nostra città a restare più giorni rispetto al tempo di permanenza attuale. Sappiamo bene quali sono i nostri punti di forza e uno di questi è sicuramente il territorio dell’area metropolitana barese, che con la Bari guest card potrà essere comunicato e offerto attraverso un unico strumento. La Bari guest card ci permetterà anche di conoscere meglio i nostri turisti, chiedere loro i feedback sull’esperienza turistica per cercare di migliorare e potenziare a nostra volta lo straordinario capitale paesaggistico, culturale e architettonico di cui disponiamo».

 


 

Il progetto esecutivo, ora allo studio, prevede il completamento del sistema integrato della Bari Guest Card per novembre, con la messa in esercizio e il testing delle piattaforma BGC (Pass Culturale Elettronico e Guida Elettronica) e dei servizi della componente Smart Culture; a quel punto sarà pubblicato il bando per individuare il soggetto gestore dell’infrastruttura applicativa e tecnologica sviluppata in questa fase.

 

 

 

 

Altri articoli di "Tecnologia"
Tecnologia
26/09/2016
La competizione regionale che ogni anno premia i migliori piani di impresa innovativa, ...
Tecnologia
26/09/2016
Bari è la prima città ad attivare ...
Tecnologia
07/09/2016
Da oggi, per i cittadini di 28 comuni dell'area ...
Porterà in concerto la musica barocca, per mettere in risalto i virtuosismi dei suoi solisti. Salvatore Accardo ...